Archivi tag: Formazione Coordinatori Sicurezza

IL COORDINATORE PER LA SICUREZZA CANTIERI VISTO ATTRAVERSO IL DECRETO LGS. 81/2008 s.m.i.

ACOST TRENTO

ACOST MODULO 05
Trento, 18 novembre 2016 – orario: 14:30-18:30

IL COORDINATORE PER LA SICUREZZA CANTIERI VISTO ATTRAVERSO IL DECRETO LGS. 81/2008 s.m.i.

Analisi del decreto a otto anni dalla sua pubblicazione.

locandina-acost-novembre

La normativa vigente, gli approfondimenti nell’ambito cantieri, i dubbi applicativi, dalla voce di chi ha vissuto la stesura del decreto in prima persona.

  

docente: Dott. Lorenzo Fantini

introduzione: Geom. Stefano Farina

.

APRI LA SCHEDA DEL MOMENTO FORMATIVO

 

.

SEGNALETICA STRADALE D.I. 4 MARZO 2013

ACOST

ACOST MODULO 04 – Trento, 30 settembre 2016 – orario: 14:30-18:30

Il Decreto Interministeriale 4 marzo 2013

I fattori esterni connessi alla presenza di traffico veicolare che comportano rischi per il cantiere ed il decreto interministeriale 4 marzo 2013 relativo alla sicurezza nella posa segnaletica stradale: quali risvolti per l’attività del coordinatore in fase progettuale e durante l’esecuzione dei lavori (non solo stradali).

La normativa vigente, i contenuti dei documenti della sicurezza (PSC, POS, DVR,…), le valutazioni in capo al coordinatore per la sicurezza, verifiche e controlli.

 

docente: Geom. Stefano Farina

.

APRI LA SCHEDA DEL MOMENTO FORMATIVO

.

IL CANTIERE E LA GESTIONE DI TUTTA LA DOCUMENTAZIONE DELLA SICUREZZA

Modulo 05 LOCANDINA I venerdi di SICURELLOsi

IL CANTIERE E LA GESTIONE DI TUTTA LA DOCUMENTAZIONE DELLA SICUREZZA

.

Per tutte le attività svolte nei cantieri temporanei o mobili è necessario predisporre una specifica documentazione per la sicurezza. Ma non sempre è chiaro quali documenti vadano predisposti e soprattutto chi e come devono essere controllati e conservati.

.

I venerdì di SICURELLO.si – 5° Modulo Formativo

Trento, venerdì 10 giugno – orario 8:30-12:30

 

Destinatari:

RSPP, ASPP, Datori di Lavoro, Dirigenti, RLS, RUP , Responsabili dei lavori, Coordinatori Sicurezza Cantieri, TPALL, Organi di Vigilanza, Consulenti, Formatori, Tecnici di Cantiere, Responsabili aziendali Ufficio Tecnico.

E’ previsto il rilascio di attestato individuale valido per l’aggiornamento RSPP, ASPP, RLS, Formatori (area rischi tecnici), Coordinatori per la Sicurezza, Datori di Lavoro e Dirigenti secondo l’art. 97 comma 3 ter.

.

Descrizione del momento formativo:

La documentazione relativa alla sicurezza di cantiere non deve essere vista come un mero obbligo normativo, ma un’opportunità di corretta valutazione dei rischi all’interno del cantiere ed un notevole miglioramento delle condizioni lavorative e di conseguenza una riduzione dei tempi di lavoro.

Effettivamente numerosi sono i documenti e gli adempimenti ai quali i Datori di Lavoro, i Responsabili dei Lavori ed i Coordinatori della Sicurezza devono sottostare ed ai quali devono ottemperare. Una buona predisposizione dei materiali necessari ed una loro corretta gestione, rende di fatto più facile il rispetto di questi adempimenti e migliora la sicurezza del cantiere.

Molte volte vengono prodotti documenti inutili od inutilizzabili rendendo necessario “rimettere mano più volte” allo stesso documento o rischiando di non aver valutato correttamente la situazione lavorativa.

Anche l’aspetto sanzionatorio per documenti carenti o inidonei non può essere sottovalutato sia in caso di sopralluogo dell’Organo di Vigilanza, sia (a maggior ragione) in caso di infortunio.

.

DOWNLOAD:

oppure

.

FIREST TRIESTE: ARTICOLO 26 NON SOLO D.U.V.R.I.

Articolo 26: Non solo D.U.V.R.I.

.

Gli obblighi connessi all’articolo 26: contratti d’appalto o d’opera o di somministrazione nei vari settori (industriale, artigianale, servizi, pubblica amministrazione, …)

.

I CORSI di SICURELLO.si
Trieste, martedì 17 maggio 2016 – orario 9:00-13:00 / 14:00-18:00

 

dal sito FIREST:

FIREST-LOGO

Articolo 26: non solo D.U.V.R.I.

Gli obblighi connessi all’articolo 26: contratti d’appalto o d’opera o di somministrazione nei vari settori.

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni al corso “Articolo 26: non solo D.U.V.R.I.” valido come aggiornamento per ASPP, RSPP, RLS, Coordinatori Sicurezza Cantieri e Formatori in programma a Trieste presso la nostra sede il giorno 17 Maggio 2016.

Articolo 26: non solo D.U.V.R.I.

Di seguito è possibile scaricare il programma dettagliato del corso ed il modulo di iscrizione.

Vai sul sito FIREST per maggiori informazioni

DALL’AMIANTO ALLE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE: RISCHI E PREVENZIONI

Modulo 04 LOCANDINA I venerdi di SICURELLOsi

Dall’AMIANTO alle FIBRE ARTIFICIALI VETROSE: Rischi e Prevenzioni

.

Dove possiamo ancora trovare l’amianto e quali sono i rischi dovuti alla presenza di Fibre Artificiali Vetrose all’interno degli ambienti di lavoro. Quali le procedure e le prevenzioni da adottare?

.

I venerdì di SICURELLO.si – 4° Modulo Formativo

Trento, venerdì 13 maggio 2016 – orario 8:30-12:30

 

Destinatari:

RSPP, ASPP, Datori di Lavoro, Dirigenti, RLS, RUP, Responsabili dei lavori, Coordinatori Sicurezza Cantieri, TPALL, Organi di Vigilanza, Consulenti, Formatori, Tecnici di Cantiere, Responsabili aziendali Ufficio Tecnico.

E’ previsto il rilascio di attestato individuale valido per l’aggiornamento RSPP, ASPP, RLS, Formatori (area rischi tecnici), Coordinatori per la Sicurezza, Datori di Lavoro e Dirigenti secondo l’art. 97 comma 3 ter.

Descrizione del momento formativo:

Da anni ormai si parla di bonifica dell’amianto, ma a tutt’oggi la valutazione del rischio molte volte è limitata alla verifica della presenza dei classici pannelli in fibrocemento o dei rivestimenti isolanti delle tubazioni.

L’amianto invece è presente in decine di prodotti e non sempre questa presenza viene correttamente valutata. Ne consegue che l’esposizione per tecnici e lavoratori è elevata con elevato rischio di contrarre una malattia invalidante o mortale.

Anche alcuni tipi di fibre artificiali vetrose risultano essere cancerogene. A anche in questo caso non sempre ne viene correttamente valutata la presenza ed di conseguenza vengono omesse le necessarie ed idonee misure di tutela. Quali tipologie di fibre devono essere gestite in ambito sicurezza ed in che modo?

I documenti della sicurezza sono idonei alla prevenzione delle malattie professionali derivanti dalla presenza di queste sostanze negli ambienti di lavoro (industrie, aziende, uffici, magazzini e depositi)?

Nei cantieri di demolizione e ristrutturazione è stata fatta una preventiva e corretta valutazione della presenza di queste fibre? Ed in agricoltura?

Il momento formativo intende illustrare obblighi, responsabilità ed adempimenti in capo al Datore di Lavoro, all’RSPP, ai Responsabili dei lavori ed ai Coordinatori per la sicurezza.

.

DOWNLOAD:

oppure

. . . . . .


.

Guarda l’intervista di PUNTOSICURO al Geom. Stefano Farina ed al Dott. Paolo Varesi (componente della Commissione Consultiva, ex art. 6 del D.Lgs. 81/2008) sul tema “Amianto nei cantieri ed in agricoltura” (Bologna, ottobre 2015)

 

SAFETY LEADERSHIP E COMUNICAZIONE EFFICACE

ACOST MODULO 03
Trento, 06 maggio 2016
orario: 14:30-18:30

Safety Leadership e Comunicazione efficace. Motivazione dei soggetti nell’attuazione delle strategie di sicurezza.

Teorie e tecniche di comunicazione, orientate alla risoluzione di problemi e alla cooperazione; teorie di gestione dei gruppi e leadership.

Il D.Lgs. 81/2008 ha introdotto, nei contenuti della formazione dei coordinatori, gli aspetti legati a comunicazione e leadership. I coordinatori che hanno effettuato la loro attività formativa prima del 2008 non sempre hanno approfondito tali fattori che risultano fondamentali nei rapporti tra tutti i soggetti. Il modulo intende affrontare ed approfondire quanto previsto dalla normativa nell’ottica del coordinamento cantieri.

docente: Dott.ssa Antonella Grange
codocente: Geom. Stefano Farina

ACOST TRENTO

APRI LA SCHEDA DEL MOMENTO FORMATIVO

.

LA VALUTAZIONE DELLA PRESENZA DI ORDIGNI BELLICI


Ordine degli Ingegneri
della Provincia di Trento

 

Seminario
LA VALUTAZIONE DELLA PRESENZA DI ORDIGNI BELLICI

Trento, 18 aprile 2016

DURATA
Il corso ha una durata di 4 ore.

MASSIMALE DI ASSENZE PREVISTE
Nessuna assenza prevista.

DESTINATARI
Ingegneri iscritti all’Ordine. Professionisti diversi possono essere accettati qualora ci fosse disponibilità di posti.

CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI PER GLI INGEGNERI
Il corso darà diritto a 4 CFP.

SEDE
Sede dell’Ordine (Piazza Santa Maria Maggiore, 23 Trento)

PROGRAMMA
Con il D.P.R. 177/2012 in capo al coordinatore vi è l’obbligo di valutare la necessità di fare eseguire una bonifica preventiva alla ricerca di ordigni bellici inesplosi.   Quali obblighi e procedure vanno attuate?  
Nel seminario del modulo formativo si affronteranno vari aspetti tra cui:
• come il D.P.R. 177/2012 ha modificato la normativa in materia di sicurezza cantieri,
• la mappatura delle aree bombardate,
• come progettare una bonifica bellica preventiva del sito nel quale è collocato il cantiere,
• attività di controllo della bonifica: problemi e soluzioni,
• cosa fare in caso di rinvenimento di ordigni bellici inesplosi nei cantieri temporanei o mobili,
• le operazioni di disinnesco e brillamento, 
• come documentare l’attività svolta,
• i rapporti con il Committente,
• cosa fare nel caso non si decida di non eseguire la bonifica bellica preventiva. 

OBIETTIVI
Il momento formativo si propone di dare ai Coordinatori per la Sicurezza gli elementi di comprensione degli aspetti normativi e le indicazioni concrete su quali procedure e verifiche attuare a partire dalla fase di redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento a quella di esecuzione dei lavori, il tutto con esempi concreti, schemi grafici, immagini e fotografie di situazioni reali.  

Maggiori informazioni sul sito dell’Ordine degli Ingegneri di Trento


BREVE BIOGRAFIA DEL Docente 
Consulente in materia di sicurezza sul lavoro e sicurezza cantieri, Stefano Farina collabora con Aziende, Associazioni ed Enti ed attualmente ricopre il ruolo di Responsabile Nazionale del settore AIFOS Costruzioni ed è membro dei gruppi di lavoro Sicurezza ed Appalti di ITACA (Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale).  Dal 2010 cura una rubrica settimanale su PUNTOSICURO, quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro ed ha collaborato ad alcune pubblicazioni tecniche in materia di sicurezza sul lavoro e sicurezza cantieri. Coordinatore per la sicurezza cantieri e Responsabile del Servizio di protezione e protezione aziendale è inoltre Docente Formatore Senior per la Sicurezza. Il Geometra Stefano Farina ha partecipato come relatore a numerosi Convegni e Seminari Tecnici in materia di sicurezza sul lavoro in tutta  Italia  (Aosta, Bologna, Brescia, Cagliari, Catania, Milano, Padova, Pescara, Rimini, Roma, Torino, Trento, Venezia, Verona, …).  
In merito al tema trattato nel modulo formativo, il docente ha seguito l’esecuzione di varie bonifiche belliche sia come coordinatore per la sicurezza in fase progettuale che come coordinatore in fase esecutiva. Ha inoltre ricoperto il ruolo di progettista, direttore dei lavori, CSP e CSE di una bonifica di un’area nella zona di Trento Nord che ha portato al ritrovamento, disinnesco e brillamento di tre ordigni bellici.

 

CADUTE DALL’ALTO: SITUAZIONI, PREVENZIONI E SOLUZIONI

Modulo 03 LOCANDINA I venerdi di SICURELLOsi

CADUTE DALL’ALTO: Situazioni, Prevenzioni e Soluzioni

.

Le cadute dall’alto rappresentano ancora la principale causa di morti sul lavoro. Quali sono le situazioni più diffuse, quali le prevenzioni da adottare e quali soluzioni tecniche più idonee per prevenire tale rischio.

.

I venerdì di SICURELLO.si – 3° Modulo Formativo

Trento, venerdì 01 aprile – orario 8:30-12:30

 

Destinatari:

RSPP, ASPP, Datori di Lavoro, Dirigenti, RLS, RUP, Responsabili dei lavori, Coordinatori Sicurezza Cantieri, TPALL, Organi di Vigilanza, Consulenti, Formatori, Tecnici di Cantiere, Responsabili aziendali Ufficio Tecnico.

E’ previsto il rilascio di attestato individuale valido per l’aggiornamento RSPP, ASPP, RLS, Formatori (area rischi tecnici), Coordinatori per la Sicurezza, Datori di Lavoro e Dirigenti secondo l’art. 97 comma 3 ter.

.

Descrizione del momento formativo:

Dal punto di vista degli infortuni le cadute dall’alto sono ancora statisticamente molto rilevanti in tutti i luoghi di lavoro e – non solo in ambito cantiere, ma anche in quello aziendale tradizionale – quasi sempre la causa dei morti deriva da un mancato rispetto delle più elementari regole di sicurezza.

La normativa è chiara: bisogna privilegiare le misure di protezione collettiva rispetto a quelle individuali, ma quali sono le soluzioni tecniche più idonee per rispettare quanto prevede la norma.

Tutte le attività sopra i due metri devono essere preventivamente valutate, ed accuratamente progettate, attentamente eseguite.

Varie sono le modalità di esecuzione delle attività in quota: utilizzando scale portatili, trabattelli, piattaforme di lavoro. Quali attrezzature privilegiare?

Cadute verso l’interno e cadute verso l’esterno: reti anticaduta e parapetti. Quali le caratteristiche e quali soluzioni adottare nelle varie situazioni?

Dalla UNI EN 795 (2002 e 2012) alla recente UNI 11158:2015 la normativa di riferimento per le Linee Vita sta cambiando. Siamo a conoscenza delle nuove norme?

.

DOWNLOAD:

oppure

.

ATTIVITÀ DEL COORDINATORE PER LA SICUREZZA IN FASE ESECUTIVA: IL CONTROLLO DEL CANTIERE

ACOST MODULO 02
Trento, 22 marzo 2016
orario: 14:30-18:30

.
Attività del coordinatore per la sicurezza in fase esecutiva: il controllo del cantiere.

Analisi dell’attività del coordinatore per la sicurezza in fase esecutiva con la visita di un cantiere complesso.

docente: Geom. Stefano Farina

 

ACOST TRENTO

APRI LA SCHEDA DEL MOMENTO FORMATIVO

 

.